SPURS, GARA STORICA PER LAMARCUS ALDRIDGE

La scorsa notte, San Antonio Spurs e Oklahoma City Thunder hanno dato luogo a una delle più spettacolari partite degli ultimi anni, con i primi che hanno prevalso per 154-147 al secondo overtime. Una sola gara offre innumerevoli temi di cui discutere: dalla vittoria numero 1222 in carriera per coach Gregg Popovich (terzo di sempre, superato Jerry Sloan) al record di triple degli Spurs (16/19 da dietro l’arco per gli Speroni), fino al record di carriera di 24 assist per Russell Westbrook e di 25 punti per Jerami Grant.

A spiccare, però, è la prestazione da incorniciare di LaMarcus Aldridge, autore della bellezza di 56 punti, 9 rimbalzi, 4 assist e altrettante stoppate col 61% al tiro (20/33). Oltre ad aver fatto registrare il suo career-high per punti segnati in una partita, LMA diventa il terzo miglior realizzatore in una singola gara nella storia degli Speroni: meglio di lui hanno fatto soltanto George Gervin e David Robinson, autori rispettivamente di 63 punti nel 1978 e di 71 punti nel 1994.

L’ex Portland Trail Blazers, inoltre, è il primo giocatore degli Spurs a segnare almeno 50 punti dal 2008, anno in cui fu Tony Parker a rendersi autore di un cinquantello, segnando 55 punti contro i Minnesota Timberwolves nel 2008, ed è il principale protagonista nella vittoria con più punti a referto nell’era Popovich.

Aldridge, inoltre, è il primo giocatore a segnare un’elevatissima quantità di punti senza nemmeno una tripla realizzata né tentata dal 6 marzo 2000, giorno in cui Shaquille O’Neal mise a referto ben 61 punti tirando col 69% dal campo (24/35) nel match vinto dai suoi Los Angeles Lakers contro i rivali cittadini dei Clippers.

Il classe ’85 sei volte All-Star, che tra le altre cose supera anche un certo Magic Johnson per punti segnati in carriera, portandosi al 78esimo posto All-Time a quota 17.708, ricorderà per sempre la serata migliore della sua carriera, una prestazione a dir poco memorabile per un giocatore che in campo ha sempre dato l’anima e che incarna alla perfezione lo spirito guerriero dei suoi Spurs.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *