ROCKETS, ARRIVA RIVERS

Dopo la rottura con Carmelo Anthony, gli infortuni di Chris Paul e James Ennis e la discontinuità di una second unit che ha da poco ritrovato tante pedine che erano out per problemi fisici (Knight e Nenê su tutti), gli Houston Rockets aumentano la profondità della panchina con l’innesto di Austin Rivers.

Quest’ultimo, infatti, approda in Texas con un contratto garantito fino al termine della stagione dopo essere stato tagliato dai Phoenix Suns, che a loro volta lo avevano prelevato lo scorso 17 dicembre dai Washington Wizards insieme a Kelly Oubre jr., nell’ambito della trade che ha portato Trevor Ariza nella capitale.

Arrivato a Washington la scorsa estate dai Los Angeles Clippers in cambio del centro polacco classe ‘84 Marcin Gortat, Rivers ha disputato appena 29 partite con la maglia dei Wizards in questa prima parte di regular season, tenendo medie di appena 7.2 punti, 2.4 rimbalzi e 2 assist col 39% al tiro e il 31% da tre.

Ciononostante, il classe ‘92 può fare al caso dei Razzi grazie alla sua capacità di rendersi pericoloso da oltre l’arco e di dare un grande apporto alla causa in fase difensiva e le statistiche fatte registrare ai Wizards vanno anche attribuite a un minutaggio di appena 23.6’ a gara, peraltro in un contesto tecnico in cui l’ex New Orleans Pelicans non si è mai adattato del tutto.

26 anni compiuti lo scorso 1 agosto, la decima scelta assoluta del Draft 2012 ha fatto vedere cose molto positive nelle scorse due stagioni con la maglia dei Los Angeles Clippers, mettendo a referto medie di 12 punti, 2.2 rimbalzi e 2.8 assist col 44% dal campo e il 37% dalla lunga distanza nel 2016-2017 e 15.1 punti, 2.4 rimbalzi, 4 assist e 1.2 palle recuperate col 42% al tiro e il 38% da dietro l’arco lo scorso anno (miglior stagione in carriera).

Il figlio di coach Doc Rivers, inoltre, nella scorsa stagione ha fatto registrare il suo career-high di punti proprio contro gli Houston Rockets, segnandone ben 36 col 40% da tre (6/15) nella gara vinta per 128-118 dai suoi Los Angeles Clippers al Toyota Center esattamente un anno fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *